ARCHEOLOGIA MEDIEVALE PADOVA

 

ARCHEOLOGIA MEDIEVALE PADOVA

 

ARCHEOLOGIA MEDIEVALE PADOVA

 

ARCHEOLOGIA MEDIEVALE PADOVA

 

ARCHEOLOGIA MEDIEVALE PADOVA

 

ARCHEOLOGIA MEDIEVALE PADOVA

 

ARCHEOLOGIA MEDIEVALE PADOVA

 

ARCHEOLOGIA MEDIEVALE PADOVA

 

RICERCA  - DIDATTICA  -  MEDIOEVO PARTECIPATOARCHIVIO EQUIPE  -   BIBLIOTECA DIGITALE                     

dipartimento dei beni culturali  |   piazza Capitaniato 7 35139 Padova  | https://www.facebook.com/archeologiaMedievaleUniPd/

MONOGRAFIE 2018

PROGETTO CAMIS (2011-)

Il progetto (Cimiteri altomedievali in Italia settentrionale) si propone di analizzare in modo sistematico, applicando metodologie scientifiche innovative, i complessi funerari altomedievali rinvenuti in Italia settentrionale tramite la realizzazione di un database esaustivo e analisi biologiche dei resti scheletrici.

All’interno del progetto sono state anche sviluppate ricerche sulla dieta e l’ambiente delle popolazioni dell’Italia settentrionale a partire degli isotopi stabili contenuti nelle ossa (M. Marinato) e sugli studi dei tratti genetici per identificare tratti di parentela (L. Lammana). Prossoimo passo sarà l’inserimento del database online liberamente accessibile.

PROGETTO IRAAHL (Innovative research on Alpe-Adria historical landscapes) (2012-)

Sviluppiamo metodi innovativi per l’analisi dei paesaggi storici (tecniche di aerofoto-interpretazione come il LiDAR e il radar, ricognizioni, rilievo, analisi stratigrafica del patrimonio architettonico, analisi stratigrafica dei particellari) in varie zone alpine (Trentino, Alto Garda) dell’Adriatico (isola di Rab) e del territorio di Padova. Molte di queste ricerche si portano a termine in modo partecipato con le communità locali dei territori coinvolti.

Sul territorio dei Colli Eugani ci siamo centrati nel progetto Mediterranean Mountainous Landscapes: an historical approach to cultural heritage based on traditional agrosystems (7FP), al quale hanno partecipato una decina di équipes dalla Spagna, Italia, Albania e Regno Unito.

PROGETTO ARMEP (2007-)

L’obiettivo del progetto è stato quello  di censire e studiare, usando tecniche di rilievo e analisi spaziali innovative, le architetture residenziali medievali del centro storico di Padova per ricostruire, attraverso le architetture, la storia della società e dell’ economia padovana, o sviluppo urbanistico del nucleo urbano tra alto medioevo e il XV secolo e ampliare la conoscenza e la tutela del patrimonio architettonico.

Attualmente il progetto sta analizzando grazie a l’incorporazione di nuovi giovanni studiosi i materiali costruttivi di chiese, torri e case da un punto di vista archeometrico e cronologico applicando innovative metodologie scientifiche come la datazione OSL delle malte.

CARE-ITALIA (2000-)

Dal 2000 l’insegnamento di Archeologia Medievale di Padova dirige per l’Italia settentrionale una schedatura sistematica dell’edilizia ecclesiastica tra il IV e il X secolo all’interno del progetto Europeo Corpus di Architettura Religiosa Europea coordinato dall’Università di Zagabria. Attualmente l’équipe di Padova sta sviluppando una piattaforma WIKI nella quale inserire tutto il lavoro di schedatura delle chiese italiane.

Da Padova coordiniamo la piattaforma WikiCARE con piu di 80 studiosi implicati e 500 schede inserite. Lavoriamo per farla diventare la piattaforma di ricerca partecipativa piu attiva in Italia e una delle piu attive a livello europeo per il mondo medievista. Include informazioni su tutte le chiese altomedievali in Italia e ha link verso le piattaforma CARE di altri paesi europei.

dipartimento dei beni culturali  |   piazza Capitaniato 7 35139 Padova  |  archeologia.medievale.dbc@unipd.it

Castello medievale di Torba di Castelseprio 2013-2018  (VA)


Scavo iniziato nell’anno 2013 dopo una precedente campagna di scavo a Santa Maria foris portas. Obbiettivo dello scavo in questo importante sito UNESCO,  e di documentare la sequenza di questo importante sito che facceva parte di uno dei castelli altomedievali più significativi dell’Italia settentrionale. In particolare lo scavo indagherà la fortificazione tardoantica e del cimitero e monastero annesso alla chiesa di Santa Maria. Nuove campagne nel 2016 hanno avuto l’obbiettivo di indagare le istallazioni monastiche. Nelle campagne 2018 e 2019 (maggio e agosto-settembre) ci concentriamo invece all’interno della torre per indagarne la sequenza.

Castello di Val di Sud (Bs) 2’017-2019


In accordo con l’Ateneo di Salò e con la direzione scientifica della prof. Gian Pietro Brogiolo, abbiamo iniziato nel 2017 un nuovo progetto di scavo del castello di Val di Sur, vicino a Gardone. Lo scavo ha permesso di individuare strutture architettoniche con continuità d’us tra epoca protostorica e l’alto medioevo forse con una funzione cultuale. Lo scavo continuerà ad ottobre di 2019.

Ricerche archeologiche sull’isola di RAB 2005-2018 (Croazia)


Dal 2005 l’insegnamento di Archeologia Medievale sviluppa ricerche archeologiche sull’isola di Arbe (Rab-Croazia) in colaborazione con l’Università di Zagabria.  Le indagini hanno coinvolto lo scavo di un castello tardoantico, una villa romana, varie chiese rurali e diversi siti urbani tra cui una interessante sequenza compresa tra l’età romana e il basso medioevo con attività abitativa (e una grande quantità di materiale ceramico d’importazione) e un’atelier metalurgico.

SCAVI

RECENTI

PROGETTO PRIN

(2015-2019)


Il progetto ("Archeologia al futuro. Teoria e prassi dell’archeologia pubblica") si propone di analizzare le diverse forme in cui gli archeologi oggi possono far un’archeologia pubblica e si propone di sviluppare le basi per una ricerca, valorizzazione e comunicazione consapevole e condivisa dei beni archeologici in Italia.

Il team di Padova sviluppa ricerche sugli aspetti legislativi legati alla partecipazione delle comunità locali nelle ricerche archeologiche

Vai alla pagina facebook del progetto

Ricerche partecipata nell’alto Garda Trentino

2014-2018


Dal 2014 e come proseguimento del progetto APSAT sviluppiamo isotto cordinamento del Museo di Riva ricerche sul territorio di varie communità del territorio di Riva del Garda (Campi, Drena, Bolognano, Massone, Arco) con l’obiettivo di registrare ed studiare paesaggi e architetture storiche insieme alle communità locali per contribuire alla conoscenza dei propri territori e allo sviluppo di politiche economiche e culturali sostenibili. Il progetto si stenderà a breve a comprendere il comune di Brentonico e il territorio del MonteBaldo per creare unabanca dati partecipata dei beni storici e culturali dell’area.

PROGETTI DI RICERCA 2019

Archeologia Medievale

2 semestre

docente: A. Chavarria Arnau



Lo studio dell'età medievale in Italia si può ora avvalere, dopo quarant'anni di ricerche archeologiche innovative, di una pluralità di informazioni che riguardano non solo aspetti tradizionali come  città, castelli, chiese, edifici residenziali, sepolture, produzioni e scambi ma anche altre tematiche che permettono di comprendere in modo più approfondito la complessità del mondo postclassico. Il cambiamento climatico e ambientale, il paesaggio (non solo agrario ma anche quello dell’incolto), l’evoluzione della proprietà publica e privata in città e campagna, i diversi modi dell’insediamento e i nuovi metodi bioarcheologici per identificare le popolazioni alloctone, sono alcuni dei temi e metodi di indagine che verranno presentati in questo corso che comprende il periodo cronologico che va dal V al XV secolo.


Lezioni del corso:

1 Introduzione: il medioevo oggi e la percezione del medioevo nella società attuale.

2. Clima e ambiente nel medioevo

  1. 3.Nuove gerarchie insediative tra città e castelli

  2. 4.Le proprietà rurali

  3. 5.L’economia: produzioni e commerci

  4. 6.Religioni e al di là


Obiettivi formativi:

Alla fine del corso lo studente:

  1. -avrà una visione complessiva dei principali temi analizzati attualmente dagli archeologi medievisti in Italia ed Europa.

  2. -conoscera i principali metodi scientifici utilizzati oggi in archeologia e la loro applicazione specifica in contesti medievali

  3. - potrà identificare a partire di immagini le principali tipologie di oggetti o di insediamenti archeologici di cronologia medievale


Altre attività:

Durante il corso si terranno anche lezioni di altri esperti e professori di archeologia medievali italiani ed stranieri.


Modalità di esame:

Esame scritto con domande sui temi del corso e identificazione di immagini


Testi di esame:

Appunti durante le lezioni e articoli di discussione che verrano somministrati nel corso delle lezioni.

G.P. Brogiolo, Le origini della città medievale, Mantova, 2011.

G.P. Brogiolo, A. Chavarria, aristocrazie e campagne da Costantino a CarloMagno, Firenze, 2005.

A. Chavarria Arnau, Archeologia delle Chiese. Dalle origini all’anno mille, Roma, 2018.

Archeologia delle Architetture

1 semestre

docente: M.A. Causarano

SCARICA SYLLABUS


Corso teorico-pratico sulle metodologie e strumenti utilizzate per lo studio dell’edilizia storica e dei centri urbani: dalla creazione di documentazione fotogrammetrica, all’analisi stratigrafica, registro digitale e analisi dei dati.





Early Medieval Archaeology and the Mediterranean

2 semestre

corso in lingua inglese

docente: A. Chavarria Arnau


This course will explore in 2019 the main methods and recent developments of Public Archaeology in the Mediterranean area.

Main european specialists (most of them teaching at the UCL master on public Archaeology: T. Schadla Hall, P. Gould, P. Reynolds, G. Moshenska)  will be invited to expand or deep in some of the topics of the course such as community archaeology, archaeology and politics, the audiences of archaeology, among others.

The students taking part on this course will be also able to participate in some of the participative Summerschools that will be organised in northern Italy.


Learning objectives

By the end of the course students will:

Be familiarised with key themes and debates within public archaeology

Know the main scientific methods used in public archaeology

Read a scientific paper, understand the main contents, summarise and present it in public.

Be able to evaluate critically different case studies

Develope a reseach that puts into practice one or more about the topics learned and present it orally and on a written report.

Examination

oral presentation of a  research, written research (5-10 pages).


Main text:

G. Moshenska, Key concepts in Public Archaeology, London 2018.

Further texts will be indicated during the lessons.

Archeologie PostClassiche

docente: A. Chavarria Arnau


This course will explore in 2019 the main methods and recent developments of Public Archaeology in the Mediterranean area.

Main european specialists (most of them teaching at the UCL master on public Archaeology: T. Schadla Hall, P. Gould, P. Reynolds, G. Moshenska)  will be invited to expand or deep in some of the topics of the course such as community archaeology, archaeology and politics, the audiences of archaeology, among others.

The students taking part on this course will be also able to participate in some of the participative Summerschools that will be organised in northern Italy

L’insegnamento di Archeologia Medievale  presenta con metodi transdisciplinari propri dell’archeologia e anche delle scienze geografiche ed ambientali, gli aspetti della società susseguitesi dalla fine dell’Impero romano fino all’età contemporanea in una prospettiva SISTEMICA e GLOBALE.


Presenta i metodi e strumenti di indagine più innovativi applicati ai nostri progetti: dal remote sensing (Lidar e Radar) al GIS per lo studio dei paesaggi, alle analisi bioarcheologiche nello studio dei resti umani (isotopi stabili), i nuovi metodi di analisi e datazione applicati alle architetture storiche, etc;


Integra i risultati di queste ricerche con quelle di altre discipline (etnoarcheologia, storia dell’arte, storia, sociologia) per fornire sintesi interpretative generali o su singoli temi


è archeologia sociale, in quanto si impegna concretamente nella salvaguardia del vasto patrimonio storico postclassico con l’obbiettivo di collaborare nello sviluppo di politiche economiche e culturali sostenibili.


Promuove un profilo formativo internazionale per la ricerca e la professione attraverso:


5 insegnamenti specifici (1 nel triennio, 2 nella laurea magistrale, 2 nella specializzazione).


Obiettivi generali

- conoscenza dei principali temi dell'archeologia postclassica confronto e riflessione rispetto ai principali temi della società attuale.

- professionalizzazione negli indirizzi dell'archeologia dei paesaggi, dello scavo, delle architetture residenziali, religiose, di difesa, dei materiali, delle sepolture, dell’archeologia pubblica.

  1. -internazionalizzazione


Obiettivi specifici

  1. -conoscenza dei temi e dei metodi dell'archeologia postclassica con apprendimento di tecniche, strumenti, software professionalizzanti (remote sensing, di prospezione, di scavo, di analisi)


Metodo e strumenti

La didattica impartita muove dal convincimento che:

  1. (a)le lezioni frontali devono indicare preliminarmente le nozioni che non possono essere dimenticate, essere chiare e sintetiche. Quando possibile le lezioni frontali saranno tenute anche da professori stranieri ed specialisti su tematiche specifiche

  2. (b)vanno integrate, quando il numero degli studenti lo consente, con attività seminariali e lavori di ricerca di gruppo su temi dei progetti: la capacità di far ricerca non si apprende solo dalle lezioni frontali, ma sopratutto dalla pratica;

  3. (c)servono sistemi di informazione e di tutorial on line;

  4. (d)sono utili manuali scritti appositamente dai docenti dei corsi di Padova.


Seminari di studiosi di riconosciuto prestigio internazionale:  (archivio di conferenze e seminari recenti) poi divulgati anche online.


Flussi erasmus con le Università di Londra, Tolosa, Bordeaux, Bilbao, Cordoba, Barcellona, Granada,Tarragona, Lleida, Salamanca, Budapest, Zagreb, Cork ... per assicurare ai nostri studenti soggiorni all’estero.


Integrazione degli studenti nei nostri progetti per:

- imparare concretamente a fare ricerca

- partecipare alle attività seminariali collegate ai progetti

- svolgere attività di laboratorio

  1. -sviluppare tesi assistite e coordinate


I progetti in corso nel 2019 sono:

ARCHEOLOGIA AL FUTURO (progetto Prin 2015)

IRAAHL (Innovative research on Alpe-Adria historical landscapes)

MEMOLA (Mediterranean Mountainous Landscapes)

ARMEP (Architetture residenziali medievali di Padova)

CAMIS (Cimiteri Altomedievali dell'Italia settentrionale)

CORPUS ARCHITETTURAE RELIGIOSAE EUROPEAE


  1. 5.Partecipazione a scavi, attività di laboratorio e summerschool internazionali e di  ricerca partecipata durante tutto l’anno accademico.

Urbanistica e architettura medievale docente: A. Chavarria Arnau


Il corso si soffermerà sui metodi per lo studio dell’edilizia storica e, in particolare, dei centri abitati (città e vilaggi) dall’analisi dei catasti e della documentazione cartografica, all’analisi stratigrafica e tipologica, cosi come il rapporto che oggi hanno gli abitanti di questi centri abitati con il loro patrimonio storico postclassico confrontando varie esperienze sviluppate nelle ultime decadi in ambito europeo. Il corso conterà con la presenza di esperti internazionali e ci sarà la possibilità di partecipare in attività di caratere prattico durante il corso e nei mesi successivi all’interno delle Summerschools di archeologia partecipata.

LAUREA

TRIENNALE

LAUREA

MAGISTRALE

SCUOLA DI

SPECIALIZZAZIONE

Informazioni per laureandi


come fare la tesi

ATTIVITA’ DIDATTICA